Canti del culto mariano nel Mediterraneo

noi

 

Lila Hajosi: mezzosoprano, direzione, arrangiamenti.
Marie Pons: Mezzo-Contralto
Julie Azoulay : Viola

Viaggiando tra il Medioevo occidentale, l'eredità bizantina e latradizione cristiana orientale, l'Irini Vocal Ensemble mette in luce le diverse figure della Vergine e il suo culto, che trova una particolare risonanza nel Mediterraneo.
Dalla celebrazione quasi erotica della Fanciulla in fiore, che ricorda gli antichi riti pagani, al lamento della Madre, la donna terrena che si confronta con la morte del suo unico figlio, alla lode della Regina del Cielo, la Madre universale che intercede per l'umanità, è un'immagine della donna che è allo stesso tempo una e molteplice quella che vediamo prendere forma attraverso l'epiclesi di Maria.
Il programma comprende canti ortodossi greci, libanesi, siriaci e ciprioti, estratti dal Libro di Vermeil di Montserrat (XIV secolo, Spagna) e Lodi italiane del XIII secolo.
Da una sponda e da un suono all'altro del "Mare Nostrum", l'Irini Ensemble (il cui nome significa "pace" in greco), vi invita a scoprire la diversità e la ricchezza musicale del culto mariano nel Mediterraneo.

chiudere
1

Non perdetevi nessuna informazione!

Segui le nostre avventure in anteprima e accedi a contenuti esclusivi!

Non facciamo spam! Per ulteriori informazioni, consultare l'informativa sulla privacy.

1

Lascia un commento

Il vostro indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Per saperne di più su come vengono utilizzati i dati dei vostri commenti.